L'ascesso paratonzillare viene trattato principalmente chirurgicamente

Ascesso di Paratonzillar il più spessosi sviluppa come complicanza dopo tonsillite non completamente guarita, o con esacerbazioni di tonsillite cronica. Questa malattia è molto meno probabile che si verifichi con le lesioni alle tonsille, così come alcune malattie infettive, quando l'infezione si diffonde attraverso i vasi sanguigni. Lo sviluppo di tale infiammazione può essere influenzato dalla presenza di denti cariati, così come altri processi infiammatori nelle cavità orale e nasale.

Ascesso di Paratonzillar nei bambini sotto i 10 anni di etàè molto raro, anche se ci sono delle eccezioni. Più spesso si sviluppa nei giovani, la cui età è 15-30 anni. La maggior parte dei pazienti con questa diagnosi ha un'immunità debole. In questa malattia, si distinguono i seguenti tipi: inferiore, medio e anteriore superiore. Fondamentalmente, l'ultima di queste specie è stata trovata. Quando si verifica, il bordo superiore delle tonsille arrossisce e si gonfia sufficientemente. Il paziente avverte dolore alla gola, che dà nell'orecchio e attacchi a breve termine di soffocamento.

Quando si sviluppa il paratonsillar medioascesso, l'amigdala è ricoperta da un rigonfiamento, che ha la forma di una palla. In alcuni casi, l'accumulo di pus può essere osservato sull'arco anteriore. Il palato molle si gonfia leggermente e quasi impercettibilmente. Con il tipo più basso della malattia, l'infiammazione è localizzata nell'area della tonsilla linguale.

Man mano che l'ascesso paratonsillare progredisce, appare un numero maggiore di sintomi:

  • c'è un forte mal di testa:
  • c'è un aumento della febbre, che in alcuni casi è accompagnata da febbre;
  • si verificano disturbi del linguaggio, la voce diventa nasale;
  • i linfonodi aumentano di dimensioni;
  • un odore molto cattivo viene dalla bocca.

Tuttavia, tali sintomi possono essere presenti in altrimalattie. Pertanto, è necessario condurre una diagnosi differenziale e, se necessario, altri studi. Molti pazienti sperimentano il trisus, il cosiddetto spasmo dei muscoli masticatori, in cui è difficile aprire la bocca, ea volte è impossibile. Questo fenomeno complica notevolmente l'esame del paziente.

Con una malattia così grave comeascesso paratonzillare, il trattamento è nominato a seconda della fase di sviluppo del processo. Se un paziente cerca aiuto medico, quando c'è solo gonfiore e infiltrazione tissutale, allora è possibile un trattamento conservativo. Viene prescritta una terapia antibatterica, oltre a varie procedure termali e l'irradiazione dell'area del collo con raggi ultravioletti. Allo stesso tempo, vengono prese misure per rimuovere l'intossicazione del corpo e rafforzare il sistema immunitario.

Se un ascesso si è già sviluppato, allora il trattamentoSolo chirurgico, che deve essere eseguito in un ospedale. In alcuni casi, quando l'ascesso ha volumi significativi, può esserci difficoltà a respirare. In questo caso, è necessario ripristinare rapidamente il flusso d'aria. Per questo, viene inserito un ago e il pus viene pompato fuori, riducendo le dimensioni dell'ulcera.

Eppure il modo principale per curareascesso paratonsillare - apertura dell'ascesso e del drenaggio. Di solito, tale operazione viene eseguita utilizzando l'anestesia locale: un farmaco anestetico viene iniettato nella pelle nelle immediate vicinanze del fuoco di infiammazione. Quindi il medico fa un'incisione e pompato fuori lo scarico purulento e il sangue risultante. Il paziente viene prescritto un ciclo di antibiotici, nonché una varietà di risciacqui e risciacqui. In alcuni casi, l'anestesia generale viene utilizzata per l'intervento chirurgico. In generale, è usato nel trattamento di bambini e pazienti con una grave sindrome d'ansia.

Non dimenticare che questa malattia puòripetutamente si ripetono. Il trattamento dell'ascesso paratansillare deve essere affrontato molto seriamente. Il contatto tempestivo con un medico ti consente di fare previsioni favorevoli. Tuttavia, è possibile sviluppare complicazioni quali sepsi, morte (necrosi) di tessuti localizzati in posizione ravvicinata, sviluppo dell'ascesso retrofaringeo, ecc.

Notizie correlate